Fuga dall’Iraq -3/ Escape from Iraq -3

 

Il sabato sera è tempo di kubbeh e noi siamo ospiti d’onore. La kubbeh è un piatto tipico dell’Iraq, che si trova molto anche in Libano e Siria. E’ una pasta di semolino, cipolla, molte spezie e carne di manzo. Per far stare più comodi gli ospiti si apparecchia a tavola e non per terra e si inizia a mangiare con il classico tabuleh. I tempi orientali sono molto diversi da quelli occidentali e così nel tempo che George e la sua famiglia impiegano per mangiarsi due kubbeh a testa, noi siamo ancora a metà della prima. Ma lasciare cibo sul piatto non è contemplato, così piano piano la cena va avanti fra una forchettata, fotografie e ricordi.

Lemia, la figlia più piccola, è un fiume in piena. Dall’alto dei suoi 9 anni si diverte a parlare il francese imparato a scuola, mentre il papà orgoglioso la sprona a dire che lei è la più brava della classe. George non si ferma all’ultimogenita e racconta di come Giovana, la figlia più grande, fosse la prima in tutte le scuole di Telskfoof, mentre Lina addirittura la terza in tutto l’Iraq. John, il figlio, invece non aveva voglia di studiare e lavorava con papà sui terreni. John non c’è a cena: è corso fuori a giocare a calcio non appena il cugino è passato a prenderlo.

Saturday eve is kubbeh time and we are the guest stars. Kubbeh is a typical iraqi dish, that is common in Lebanon and in Syria too. It is made by semolina pasta, onions, many spicies and beef meat. They prepare on the table and not on the ground to make it more comfortable for the guests. The dinner starts with tabuleh. Oriental timetable is very different form occidental ones, so meanwhile George and his family eat two kebbahs each, we are still eating the first half. But we can’t leave food on dishes, so dinner goes on slowly among a forkful, pictures and memories.

Lemia, the youngest daughter, is irrepressible. Because oh her nine years old, seh enjoys speaking french learned at school, while her proud father invites her to say she’s the best among her classroom. George doesn’t stop and he speaks about Giovana, the oldest daughter, who was the best among all Telskoof classrooms, while Lina was even the third one in all Iraq. The son John, instead, did not want to study and he worked with his father as farmer. John there is not for dinner: he run away to play football as soon as his cousin went to catch him.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: