Vespri maroniti

 

La Pasqua si avvicina e la comunità cristiana libanese si prepara come meglio può. Grandi o piccoli raduni sono all’ordine del giorno in una città da sempre divisa (almeno) in due, con la parte est, quella cristiana, che si anima fra casa, lavoro e chiesa, e quella ovest, musulmana, che non sente affatto questa scadenza. Comunque non c’è bisogno di alcuna prova di forza, perché gli spazi sono rispettati da entrambe le parti. Spazi che, come nel caso della chiesa maronita di Mar Mikael, sono piccoli e raccolti.

Da circa un mese i maroniti di questo quartiere a metà strada fra Gemmayze ed Achrafye (le due roccaforti dela comunità cristiana e luoghi della movida di Beirut est) si ritrovano il lunedì e il mercoledì sera per recitare i vespri e per ascoltare le testimonianza dei neocatecumenali che sono arrivati a quella tappa del cammino di fede che prevede la dichiarazione pubblica dei motivi del loro credo. In un’atmosfera esterna pervasa dal silenzio, che come sempre a Beirut sembra precedere un evento tragico, decine e decine di beirutini – per lo più adulti con bimbi al seguito – occupano le prime file della chiesa di Mar Mikael, abbastanza grande da contenere dieci volte tanto le persone presenti. E’ un’occasione intima, in cui le persone si aprono alla nuova comunità. Questa sera sono 5 le testimonianze previste, 4 donne e un uomo. Microfono alla bocca, i nuovi fedeli raccontano di quando Dio è entrato nella loro vita per fargli accettare la vita stessa. C’è quindi chi ha perso marito e figlio in guerra, chi ha 5 bambini nonostante all’inizio non volesse alcuna gravidanza, chi è costretta a vivere con i suoceri quando il sogno di una vita era un nido familiare privato. Piccoli o grandi problemi risolti che appaiono a questa comunità come una grazia ricevuta.

 

The Easter is cloese, and the libanese maronite comunity is waiting it as best as possible. Everyday there are big or small garthering, in this city that has been always divided in (almost) two part: the eastern and christian one, that lives among workplaces, home and church, and the western and muslim one, that instead don’t care about this deadline. Howewer, there is no need of any showdown, because everybody respect spaces. Spaces that, as in Mar Mikael’s maronite church ones, are small and intimate.

The maronite people of this neighborhood between Gemmayze and Achrafye (the two stronghold of christian community and the movida places at east Beirut) have been meeting since one month on monday and wednesday evenings to act Vespers and to hear the stories of that neocatechumenals who stay in the point of the faith’s path in which they have to say in public the reason of their credo. Outside there is silence, that as everytime in Beirut seems to anticipate something tragic, tens and tens of Beirut citizens – most of them are adults with their children – are sitting on the firsts lines of Mar Mikael’s church, so big that it could contain ten times the people inside. This is an intimate occasion, when peolpe show themselves to the new community. This night program include 5 testimonies, four of them by women and the last one by a man. The new faithful tell about the moment in whic God entered into their life to get them happy for the life itself. So, there is a woman who has losted the husband and one son during the war, another one who has 5 children despite she didn’t want anyone and a last woman costricted to live with her parents in law, even if she was dreaming an own house. Big or little problem solved, that for them seems like received grace.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: